Momenti di lettura

Credits: moritz320

La lettura è “un regalo, un momento fuori da qualsiasi momento”, scrive Daniel Pennac, nelle prime righe del capitolo 12 del suo saggio “Come un romanzo”.

Qui abbiamo raccolto i “nostri momenti” di lettura – una ventina scelti tra scrivanie e comodini di tutti noi che lavoriamo per Good Morning Italia – per condividere con voi qualche idea che possa farvi compagnia, se lo volete, in questi giorni.

Non conosci ancora Good Morning Italia?
C’è una prova gratuita per te

Vieni via con me

  • I racconti di fantascienza di Philip Dick, scaricabili gratuitamente in formato ebook o audiolibro, per andare il più lontano possibile.
  • La concessione del telefono” di Andrea Camilleri, una storia nata dal ritrovamento da parte dello scrittore di un decreto ministeriale per la concessione di una linea telefonica privata. “Il documento – raccontava l’autore siciliano – presupponeva una così fitta rete di più o meno deliranti adempimenti burocratico-amministrativi da farmi venir subito voglia di scriverci sopra una storia di fantasia”.
  • La comparsa” di A.B. Yehoshua: Noga, la protagonista, è una musicista, costretta a sospendere i concerti per ragioni familiari e che, durante il periodo di inattività forzata, comincia a interrogarsi sul proprio ruolo. 
  • I Monti Pallidi” di Carlo Felice Wolf, una raccolta di storie e leggende delle Dolomiti, per far finta di stare tra le montagne e soddisfare il bisogno di un pò di fiabe e cose impossibili.
  • Niente caffè per Spinoza” di Alice Cappagli racconta la storia, ambientata a Livorno, di un anziano professore di filosofia e della sua badante che legge per lui, ormai non vedente, i pensieri di Pascal, Spinoza ed Epitteto. E, riflettendo su queste massime, ognuno dei due trova un senso per le vicende della propria esistenza.

Altri mo(n)di

  • L’ingrata” di Dina Nayeri: a metà tra romanzo e saggio, l’ultimo libro di questa scrittrice iraniana in esilio in America prende di petto il tema dei migranti, dando loro un volto, una storia. Ma facendoci anche superare la pietosa compassione, per arrivare a un livello di comprensione più profonda del disagio dello sradicamento. Dimostrando come l’integrazione non sia mai indolore. Oltre al libro, vale la pena leggere anche il reportage da cui tutto è partito, The Ungrateful Refugee, pubblicato dal Guardian
  • Un indovino mi disse” di Tiziano Terzani: nel 1976, un indovino predisse al giornalista italiano, all’epoca corrispondente di Der Spiegel in Asia, che nel 1993 avrebbe rischiato di morire in un incidente aereo. Terzani, pur scettico, ma anche stanco e dubbioso sul senso del proprio lavoro, decide che in quell’anno continuerà a lavorare e a muoversi, ma senza mai volare, trasformando la limitazione nei movimenti in un’occasione per osservare il mondo e i suoi avvenimenti da un punto di vista differente.
  • Epepe” di Ferenc Karinthy: Budai, professione linguista, si ritrova per sbaglio in una città sconosciuta e labirintica, senza denaro e senza documenti, dove gli abitanti parlano solo una lingua incomprensibile, che ricorda vagamente le rune gotiche e i caratteri cuneiformi sumeri. L’unica sua possibile alleata è una ragazza che, forse, si chiama Epepe. 
  • Berlin 1. La città delle pietre”, una graphic novel ambientata nella capitale tedesca all’epoca della Repubblica di Weimar. 

Storie di famiglia

  • Prima di noi” di Giorgio Fontana è una saga familiare di quasi 900 pagine che attraversa un secolo e la storia del nostro Paese. Le vicende della famiglia Sartori ripercorrono il Novecento in un racconto che, secondo Marco Missiroli, ci dice chi siamo noi oggi. 
  • Topeka School” di Ben Lerner: qui i protagonisti sono i Gordon, la cui storia si svolge negli anni Novanta nel Midwest degli Stati Uniti. Un racconto che parla di adolescenza e trasgressione, ma che analizza anche i fattori economici, sociali e individuali che hanno favorito la diffusione nel quotidiano di un linguaggio sprezzante e conflittuale.

Classici

  • La peste” di Albert Camus, racconto magistrale degli effetti sociali di un’epidemia sanitaria. 
  • Quaderni dal carcere” di Antonio Gramsci, per le riflessioni sul mondo e sulla libertà che contiene.

This is America

  • La ragazza dai capelli strani” di David Foster Wallace: una raccolta di racconti sull’America che è diventata un classico ed è considerata il manifesto di questo autore.
  • I racconti” di John Cheever: un insieme di piccole trame, fatti e anime che fotografano i segreti e i turbamenti della classe media americana.
  • Questa è l’America” di Francesco Costa: luoghi comuni e realtà sugli Stati Uniti, un Paese con il quale pensiamo di avere familiarità, ma sul quale, forse, c’è ancora tanto da scoprire. 

Idee

Disclaimer: questi link permettono a Good Morning Italia di ricavare una quota delle eventuali vendite da Amazon. I prezzi non cambiano.