Diamoci un contesto!

Settembre è il nuovo gennaio?

Una certa aria di ripresa, a dirla tutta, dalle nostre parti si sente, mentre finiamo di ripiegare gli asciugamani da spiaggia e spazzoliamo gli scarponcini da trekking (almeno fino al prossimo weekend!).

Non conosci ancora Good Morning Italia?
C’è una prova gratuita per te

In questo clima – e non solo per questo, come vedremo tra un momento – ci è tornata in mente una conversazione di qualche tempo fa con un nostro abbonato che lavora nel settore finanziario: “Uno dei motivi per cui leggo il briefing Good Morning Italia – ci ha detto – è che mi permette di comprendere il peso di una notizia nel contesto generale. All’interno di una rassegna stampa settoriale il rischio è di perdere un po’ l’eco, le relazioni, l’impatto che quel fatto ha in un panorama più ampio”.

In un anno a dir poco avventuroso come quello in corso, ripensare a questa considerazione ci ha fatto riflettere anche sulla sensazione – che forse avete avuto anche voi – che nella routine mediatica, spesso ci sfugga il panorama complessivo.

Ecco perché per l’autunno ci siamo dati un solo “buon proposito”: darvi un contesto.

No, non è cosa da poco: è uno sforzo che ci impegnerà, letteralmente, dalla sera alla mattina.
È, in un certa misura, una “fissazione” comune nella nostra redazione, nata dalla necessità di unire i puntini per fare meglio il nostro lavoro e per capire meglio ciò che abbiamo attorno.
È uno dei motivi che, a suo tempo, ha dato vita al nostro briefing.
È una sfida perché richiede approfondimento, tempo e perché non sempre è possibile definire l’intero contesto, ma solo una parte. E questo significa altro lavoro, per tornarci sopra e completare il puzzle.
Però è anche elettrizzante e appagante: la lucidità che deriva dall’avere un contesto chiaro somiglia molto a quel sentimento di soddisfazione, forza e meraviglia che senti quando arrivi in cima e osservi dove ti ha portato la scarpinata appena fatta.

Quindi, preso atto che si ricomincia, facciamo un (altro) pezzo di strada insieme?
E se volete dare un po’ di contesto anche ad amici e parenti (nb: accettiamo tutte le forme di parentela, anche estranee alla definizione di congiunti), ricordatevi che potete invitarli a fare una prova gratuita di 30 giorni oppure regalare loro un abbonamento.

Il mattino ha sempre l’oro in bocca!